Cosa è necessario fare per manutenere la sigaretta elettronica al meglio?

La sigaretta elettronica è un prodotto comodo ed utile da usare ovunque, talora anche sul lavoro, ma richiede anche qualche attenzione. Si tratta di un prodotto che funziona con batteria ed è composto da diverse parti, che sono delicate. Per questo motivo è necessario trattare con cura la propria sigaretta elettronica senza danneggiarla ed evitare cadute, urti e graffi. Ma non solo: bisogna anche sapere mantenere bene la propria e-cig, con la pulizia e la cura quotidiana, settimanale e mensile, sempre a seconda dell’uso.

La manutenzione della sigaretta elettronica è fondamentale per far sì che questo prodotto si mantenga funzionale nel corso del tempo e che non diminuisca la qualità delle prestazioni. Curare la propria sigaretta elettronica significa assicurarsi che duri per più tempo: ma come fare? Le indicazioni che di seguito proponiamo vanno prese con cautela, non ci si assume alcuna responsabilità per eventuali danni alla propria e-cig.

La manutenzione della e-cig: come farla?

La manutenzione della e-cig può essere giornaliera o periodica. Quella giornaliera (che a seconda dell’uso che si faccia del prodotto, può essere fatta anche ogni due giorni o più) serve ad assicurarsi che non rimanga del liquido nell’atomizzatore e che le prestazioni siano sempre di qualità.

Per pulire la vostra sigaretta elettronica dovete svitare l’atomizzatore dalla batteria, quindi togliere la cartuccia. Prendete un fazzoletto di carta, appoggiatelo sull’atomizzatore dalla parte della filettatura e quindi soffiate con forza dalla parte dove si mette la batteria. Continuate finché tutto il liquido sarà uscito.

Sarebbe bene anche svitare la sigaretta elettronica la sera e mettere l’atomizzatore su un foglio di carta assorbente, e lasciarlo a riposare per tutta la notte. In questo modo il liquido uscirà tutto dall’atomizzatore.

Ovviamente serve anche una pulizia più accurata, da fare di tanto in tanto:

  1. Dovete estrarre la cartuccia dall’atomizzatore, svitare questo dalla batteria.
  2. Quindi sciacquate l’atomizzatore o fatelo bollire direttamente per qualche minuto sotto acqua tiepida.
  3. Ora dovete asciugarlo con cura, anche aiutandovi con un phon. Quando l’atomizzatore è bene asciutto, collegatelo alla batteria, accendete la batteria per qualche secondo, e soffiate dentro l’atomizzatore.
  4. Fate riposare per qualche secondo, poi accendete di nuovo sempre soffiando nell’atomizzatore.
  5. Versate un paio di gocce di liquido nell’atomizzatore, accendete per due secondi la batteria soffiando sempre dentro l’atomizzatore, quindi usare la sigaretta elettronica normalmente.

La pulizia esce ancora meglio se si ripete da capo tutta la procedura che abbiamo appena descritto sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *